il club  le razze tutelate  il benessere animale  gli allevatori  
le esposizioni
  trofei   le corse ed il coursing  i regolamenti  
le pubblicazioni
  gli annunci  contatti  links  
 
scopi  il club promuove...  storia   statuto  organi sociali  
vantaggi di essere soci
  come iscriversi  Comunicazioni con il Club   le sezioni di lavoro  
 
 

C'era una volta...
(di Leandro Leandri)

C'era una volta ... così quasi sempre inizia la storia ...

Per il Club del Levriero quella volta data a più di 25 anni fa. Il primo consiglio del C.d.L. è datato 8 aprile 1978, ore 15.15 sono presenti: Barone Renai della Rena, Dr. Busacchi, Dr.ssa Ritzu, Sig.ra Stacchini, Sig.ra Kucavicic.

Il primo raduno a settembre in Galliano del Mugello, giudici: Marchesa della Stufa, Barone Renai della Rena, Prof. Mariotti.

Nel 1979 i raduni sono due: Pavia - Castello di S. Alessio, dimora della Contessa Salamon il 28 aprile, e al Mugello il 7 ottobre.

Il 17 febbraio 1979 a Firenze in Via del Parione presso il Gruppo Cinofilo Fiorentino ha luogo l'assemblea dei soci con l'elezione del Consiglio Direttivo vengono eletti i Sig.ri Busacchi, Renai, Ritzu, Salamon, Kucavicic, Presidente Renai, Vice Busacchi , Segretaria Ritzu.

Il 17 marzo il Consiglio decide di indire un'assemblea straordinaria, un Campionato Sociale che avrà un solo campione all'anno per ogni razza (e non un maschio ed una femmina, come ora).

Le nuove elezioni per il triennio 1982/1984 il C.D. è composto dal Presidente Barone Renai, Consiglieri: Alessandra, Carnaroli, Grandi, Ritzu, Salamon, Santi. Nel Consiglio del 20 marzo 1983, il direttivo si occupa delle corse come previsto al punto 3 dell'ordine del giorno. Nel Consiglio del 2 marzo 1985 viene deciso di istituire il Comitato Corse composto dai Sig.ri: Grandi, Leandri, Pozza, Santi, Turrini e in quel periodo si costruisce un cinodromo a Schio - Vicenza (in quegli anni eravamo purtroppo in pochi, i tempi non erano maturi per le corse e il coursing).

Il 22 settembre nel cinodromo hanno avuto luogo il raduno e le corse. Il 27 luglio 1985 presenti 4 (Renai, Grandi, Benelli, Leandri) assenti 3, il C.D. per le cariche sociali indica il Barone Renai come Presidente, e il Dr. Benelli come Delegato ENCI, che mette a disposizione del C.d.L. come segretaria la Sig.ra Altomare. Nel 1986 vengono organizzate due corse dimostrative, una a Limena (PD) e una a Monza nell'ambito del Raduno "razze italiane". Per il triennio 1988-1990 il Consiglio è composto da: Grandi Presidente, Bossi Pucci Vice, Consiglieri: Amaturo, Altomare, Giachini, Leandri Pamela Renai, delegato ENCI Sig.ra Gudrum.

Nel Consiglio del 7 maggio 1988 si decide di far approvare dall'ENCI il regolamento del nostro campionato sociale e di assegnare il titolo al un maschio ed una femmina per razza una sola volta. Il Consiglio nomina il Sig. Rocchi responsabile del settore corse ed in occasione del Raduno del Mugello ne viene organizzata una. Il settore corse fa sempre più proseliti tant'è che molti si danno da fare per organizzare dimostrazioni.

Il 16 aprile 1990 l'Esecutivo Corse organizza una giornata a Castiglion Fibocchi ottenendo un successo strepitoso. Per il triennio 1991-1993 il Consiglio è composto da Sig.ra Amaturo Presidente, Contessa Bossi Pucci Vice, Consiglieri: Altomare, Durando, Giachini , Leandri, Rocchi e Presidente Onorario il Barone Renai.

Nel 1991 il settore corse è interessato al cambiamento, data la chiusura dell'UCL che dal 1992 sarà gestito dalla FCI. La commissione levrieri è presieduta dal Barone Renai. Le corse ed i coursing in questo decennio hanno fatto passi da gigante, tant'è che il C.D. ritiene necessario redigere un regolamento. Per il triennio 1994-1996 il C.D. è composto da: Amaturo Presidente, Vice Bossi Pucci, Consiglieri: Colonna, Durando, Giachini, Leandri, Turrini. L'ENCI come Consigliere di collegamento nomina il sig. Dino Scarso.

Nel Consiglio del 13 novembre 1994 il Sig. Scarso propone la creazione di un comitato tecnico ENCI composto da: Durando, Leandri, Turrini, per la stesura di nuovi più completi regolamenti in linea con quelli della FCI. Nel comitato "Du Levrier" a rappresentare l'Italia è l'Arch. Alessandra. Dal 1996 l'Italia è rappresentata nella Commissione Levrieri della FCI dal Sig. Dino Scarso. Nel Consiglio del 23 giugno 1996, il C.D. decide di costituire un gruppo di lavoro che si occupi delle malattie genetiche ed ereditarie delle razze levriere, e a far parte di questo gruppo sono invitati i Dottori: Ambrosetti, Giachini, Picchioni e Salamon.

Questo è quanto per la storia del ventennale. Di questi 20 anni rimpiango i Raduni al Castello di S. Alessio con Vialone, dove c'era un'atmosfera magica che contagiava tutti, dove i Sig.ri Salamon Harry e Antonia erano magnifici padroni di casa; persino i falchi e i lupi, ospiti fissi, ne erano contagiati.

Per la cronaca più recente: nel triennio 1997-1999 il C.D. è stato ampiamente rinnovato, risultando composto dai soci: Bottura, Fornasiero, Turrini, Forsoni, Gianni, Leandri, Poli, Turrini; Consigliere di collegamento ENCI il Sig. Dino Scarso.

Il Club del Levriero cresce come soci e come attività cinofile e quindi vengono diversificati i compiti: Presidente onorario Barone Renai della Rena, Presidente Leandro F. Leandri, Vice Presidente Gaetano Turrini, Segretaria Elena Fornasiero, Responsabile Corse-coursing Massimo Bottura.

Il 1997 ha visto la nomina a giudici di corse e coursing di Borile, Bottura, Durando M.T., Durando L., Lavagetto, Leandri, Rocchi M., Turrini; e ad osservatori di corse e coursing: Colonna, Forsoni, Fusi, Gazzola, Granata, Linari, Mattoni, Ortali, Passari, Rocchi L., Rossi, Toldo, Valente.

La cronaca segue i tempi, nel 1998 il C.D. del C.d.L. dopo la convocazione di un'assemblea straordinaria, modifica lo statuto in alcuni punti e ne aggiunge uno: l'articolo 26 per costituire delle sezioni di lavoro. Non si tratterà di una mera modifica formale, in quanto in seguito le sezioni di lavoro riconosciute saranno i veri motori dell’attività sportiva, organizzando a livello territoriale, con il supporto tecnico e finanziario del C.d.L., la promozione del coursing e costruendo le strutture adeguate ad ospitare le manifestazioni di racing.

Il due trienni successivi si sono dipanati nel segno della continuità. Nel 2000-2002 i Consiglieri Forsoni e Gianni hanno lasciato il posto a Raffaelli ed Orsi.

In questo periodo ha avuto significativo sviluppo l’attività sportiva delle razze levriere, testimoniata anche dalla decisione di organizzare manifestazioni di coursing in concomitanza con tutti i Raduni di Club. Un altro passo importante per il significato cinotecnico delle manifestazioni, è rappresentato dall’avvio dell’organizzazione dei Raduni di selezione, al debutto con la razza whippet a S.Zaccaria di Ravenna.

Per essere più efficaci nella divulgazione e promozione delle nostre razze è nata la rivista del Club, dal titolo “LevrieriInForma”, e, per essere a passo con i tempi, il sito internet www.clublevriero.com ha visto la luce.

Per il triennio 2003-2005 il Vice Presidente Turrini, dopo lunga militanza, ha deciso di non ricandidare a membro del Consiglio Direttivo e l’assemblea dei Soci ha cooptato in sua vece il socio Sorlini. Il socio Galati ha preso il posto di Fornasiero. Leandri è stato confermato nel ruolo di Presidente, mentre suo Vice è stato nominato Marcello Poli e della segreteria si è occupata Anna Rita Orsi.

Le attività svolte hanno soprattutto sviluppato le linee guida già tracciate, di valorizzazione del ruolo sportivo dei nostri levrieri e di maggior approfondimento delle tematiche cinotecniche, anche mediante l’organizzazione dei Raduni di selezioni e dei concomitanti simposi. La rivista del Club ha cambiato non solo titolo, ora “Levrieri”, ma anche forma grafica ed ha rafforzato i contenuti, pubblicati anche in inglese. Il livello qualitativo raggiunto dalla rivista è oggi di assoluta eccellenza. Si sono riallacciate iniziative di collaborazione con i Club AIALA e CPLI.

Nel 2003 l’ENCI ha organizzato in Italia la seconda edizione dei Campionati Europei di coursing, risultata un grande successo, grazie anche al determinante contributo tecnico del nostro sodalizio. Il Raduno di Primavera di Soiano del Lago (BS) è cresciuto ed ora ben conosciuto a livello internazionale. La partecipazione numerica e qualitativa registrata nel 2005 non ha precedenti nella storia del movimento levrieristico in Italia. In tale occasione si è svolta anche la tappa italiana dell’Irish Wolfhound Rally.

Nel 2004 lo statuto del C.d.L. è stato riapprovato con le modifiche necessarie per adeguarne l’articolato a quello standard previsto dall’ENCI, anche a seguito della nuovi requisiti previsti dalla disciplina fiscale per le associazioni senza scopo di lucro. IL C.d.L. ha ottenuto inoltre in questo anno l’istituzione della classe lavoro nei suoi Raduni, con partecipazione del soggetto primo ed eccellente all’assegnazione del CAC, per spareggio con il vincitore della classe libera.

Nel 2005 l’ENCI ha dato un importante segnale di attenzione al nostro mondo costituendo una commissione di lavoro per le problematiche delle razze levriere. Coordinata da Espedito Muto, essa è comporta da Leandri e Bottura in rappresentanza del C.d.L., da M.T. Durando Fassio per conto di AIALA e da Lamperti per il CPLI.

Nella persona del Presidente, Leandro Leandri, il C.d.L. è parte attiva nella Commission des Courses de Levriers, organismo internazionale che si occupa delle attività sportive dei levrieri; Marcello Poli, inoltre, rappresenta il C.d.L. in ambito EIWC (Federation of European Irish Wolfhound Clubs), organismo che raggruppa i club di paesi aderenti alla F.C.I. che tutelano la razza Irish Wolfhound, con l’intento di promuovere e migliorare la razza e di incoraggiare l’amicizia tra tutti gli appassionati

Nel 22 gennaio 2006 l’Assemblea dei Soci ha nominato gli attuali organi sociali del C.d.L.: a comporre il C.D. sono stati chiamati accanto a Leandro Leandri, Marcello Poli, Massimo Bottura, Daniela Sorlini i nuovi Paolo Persieri, Arnaldo Cotugno ed Elisa Muccini. Nel ruolo di Presidente e Vice sono stati confermati Leandri e Poli. A Persieri è stata affidata la responsabilità del settore Corse-coursing, a Cotugno quella della rivista “Levrieri”.

La qualità dei nostri levrieri nel corso di questi anni è progressivamente cresciuta fino a livelli di assoluta eccellenza. Le più importanti esposizioni di bellezza a livello continentale hanno visto una folta partecipazione di nostri rappresentanti nel ring d’onore del decimo raggruppamento. Cani nati in Italia da allevatori associati al Club hanno conseguito il BOB al Crufts, come nel caso di Whippet, Greyhound ed Irish Wolfhound. Ciò a dimostrazione delle capacità e dell’intelligenza dei nostri allevatori e del contesto ottimale nel quale essi si trovano ad operare.

Anche a nome del C.D. sento i dovere di ringraziare i fondatori del Club e in particolare il mai abbastanza compianto Dr. Benelli, il nostro Presidente onorario Barone Renai della Rena, la Contessa Bossi Pucci per il contributo anche tangibile al C.d.L..

Come Presidente attuale ringrazio i miei collaboratori e a tutti i soci - amici - allevatori - simpatizzanti - amanti dell’attività sportiva e quelli delle esposizioni, auguro soddisfazioni e successi, purchè non venga mai meno una cosa importante: le razze tutelate dal C.d.L. sono 11 e di nessuna ne esistono due tipi.

Il nostro levriero deve essere un modo per divertirsi, incontrare persone con la nostra passione, e se non sarà il vincitore è e sarà sempre il nostro amato stupendo levriero.





 
  Partner