il club  le razze tutelate  il benessere animale  gli allevatori  
le esposizioni
  trofei   le corse ed il coursing  i regolamenti  
le pubblicazioni
  gli annunci  contatti  links  
 

convenzione controllo malattie ereditarie
  
protocollo screening DCM irish wolfhound
  
progetto genoma canino
  
studio patologie apparato gastroenterico levrieri
  
convenzione analisi DNA
  
 
  OSTEOSARCOMA DEGLI IRISH WOLFHOUND  
C’è un eccellente gruppo internazionale di scienziati,che ha intenzione di procedere su larga scala con esperimenti molto costosi per scoprire quali siano le ragioni genetiche del cancro osseo nell’Irish wolfhound. Si tratta di un’ampia collaborazione tra svariati paesi e riguarda molte razze e malattie. La cosa più importante che queste persone hanno fin d’ora adeguata disponibilità di fondi ed intendono pubblicare con un ampio impatto i risultati della ricerca su riviste scientifiche - e ciò è garanzia del reperimento di fondi anche in futuro. Ovviamente essi dimostrano anche di sapere come operare questo tipo di esperimenti. Altra cosa importante per noi è che loro sono molto interessati a lavorare sull’osteosarcoma nel wolfhound, perché la forma di ereditarietà è forte e dovrebbe essere relativamente facile identificare i geni mutati. Il vantaggio è anche che questi sono scienziati appartenenti ad università, che diffonderanno le loro scoperte al pubblico, anziché registrare un paio di brevetti per poi fornire test genetici. Il principale motivo è quindi di estrapolare le basi molecolari del cancro osseo e questo avverrà assolutamente anche per gli umani, per cui i risultati non saranno utili solo per i wolfhound, ma anche per noi. Questa è quindi un’ottima ragione per aiutare queste persone, raccogliendo alcuni campioni.
Lo studio è sul punto di partire (agosto 2007) – si deve però ancora avere un numero sufficiente di campioni. Quello che serve sono campioni di sangue sia di wolfhound affetti da osteosarcoma, sia di wolfhound sani che abbiano un’età superiore ai 6 anni.
Il link al sito svedese e: http://c3o.slu.se/eng/index.htm
ed a quello statunitense: http://www.broad.mit.edu/mammals/dog/donate.html
Per i paesi europei la miglior soluzione è inviare i campioni in Svezia. E’ opportuno inserire la provetta in una busta imbottita (pluriball), allegare copia del pedigree e del modulo di consenso (scarica) ed inviare a
Henrik von Euler
Swedish Universityof Agricultural Sciences Department of Clinical Sciences
P.O. Box 7054 SE-750 07 Uppsala Sweden
che è il responsabile scientifico per il progetto in Svezia e che ha completa conoscenza del caso.
Se si intende invece mandarla negli Stati Uniti, il modulo di consenso è sulla home page del Broad Insitute.



 
  Partner